Atene
Offerte Gruppi Greco condizioni viaggio Carta dei Servizi

Gruppo Leonetti & Gallucci - gestione Autolinee, agenzia di viaggio a Salerno, noleggio autobus a Salerno e Napoli, linea internazionale Napoli Atene. autobus da  Napoli per Atene,Napoli Brindisi Corfù e Paxos, Napoli Pescara Hvar e Spalato.  

  

Seguici su

 

 Home
Su
Hotel ad Atene

Scambio link

 

Possiedi un iPhone

scarica la nostra APP

 cliccando sull'icona

  

Previsioni meteo

venti e mare

Napoli Atene

 

 Atene

ATENEATENEATENEATENEATENE
veduta di Atene Atene cambio della guardiaAtene veduta del LicabetusAtene pianta della metròAtene Veduta del Partenone

Se vuoi scaricare la cartina dettagliata di ATENE clicca QUI (formato ZIP )

 

Atene

 

 

  

  Autolinea: Roma - Napoli - Salerno - Avellino - Brindisi - Pireo - Atene

 

Autobus

Atene ha due terminal dei pullman interurbani KTEL www.ktel.gr . Il Terminal A, 7km a nordovest di Omonia, ha partenze per il Peloponneso, le isole Ionie e la Grecia occidentale. Il Terminal B, 5km a nord di Omonia, offre mezzi per la Grecia centrale e settentrionale e per l'isola di Evia. L'ufficio della EOT fornisce gli orari dei pullman intercity. I pullman per la Grecia meridionale partono dal terminal Mavromateon (tel: 210 880 8000; Alexandras e 28 Oktovriou-Patision, Pedion Areos) che si trova a circa 250m direzione nord rispetto al Museo Archeologico Nazionale. Se la vostra destinazione è Rafina o Maratona, il terminal è a 150 metri direzione nord rispetto al terminal Mavromateon. Il Terminal A (tel: 210 512 4910; Kifisou 100) non è una bella presentazione della città, specialmente se arrivate dopo mezzanotte e non ci sono trasporti pubblici per la città. Il bus 051 vi porterà, ogni 15min, nel centro di Atene (all'angolo fra Zinonos e Menandrou, vicino a Omonia) dalle 5 fino a mezzanotte. Un taxi dal Terminal A a Syntagma non dovrebbe costare più di 6 euro. Il Terminal B (Gousiou, una strada laterale che parte da Liosion 260, Kato Patisia) è meno caotico e più facile da girare rispetto a quello A, anche se purtroppo non ci sono mezzi pubblici da mezzanotte fino alle 5 del mattino. Prendete il bus 024 fuori dal cancello principale dei Giardini Nazionali su Leoforos Vasilissis Amalias e chiedete per la fermata Praktoria KTEL. Un taxi per Syntagma non dovrebbe costare più di 6 euro. I pullman internazionali provenienti da Albania, Bulgaria e Turchia partono e arrivano presso la stazione ferroviaria Peloponneso.
 

 

 

Atene 

"Centro culturale del mediterraneo", "capitale dei Balcani", "crocevia tra occidente ed oriente", "punto nevralgico del sud-est Europa". La città di Atene è un grande nodo di comunicazione e pertanto possiede importanti infrastrutture per la comunicazione marina ed aerea. 

Ad Atene si trova infatti uno dei più grandi porti del mediterraneo, il Pireo ed uno dei più moderni ed efficienti aeroporti a livello mondiale, l'Eleftherios Venizelos.

Come tutti sanno la Grecia possiede la più grande flotta civile del mondo e ad Atene sono concentrate tutte le maggiori industrie greche del settore. Da qui transitano i mercantili diretti in oriente od occidente, le navi da crociera dirette verso le splendide isole dell'Egeo e vi fanno scalo gli aerei delle maggiori compagnie attratti dagli elevati standard di sicurezza ed efficienza offerti dal moderno aeroporto internazionale della città.

Nel porto di Atene ormeggiano tutte le grandi imbarcazioni da diporto che solcano l'Egeo ed il mediterraneo, poiché certe di trovare un elevato numero di marine attrezzate, in grado di far fronte ad ogni genere di esigenza.

Per maggiori informazioni  Vi consigliamo il sito web http://www.athens-today.com/i-index.html   veramente pieno di notizie interessanti su Atene ed alla pagina http://www.athens-today.com/i-metro-network.htm potete visualizzare in dettaglio le singole linee della Metropolitana di Atene, i prezzi ed i tempi di percorrenza .

Per i turisti frettolosi si consiglia di vedere almeno:

 

Il Parlamento : ex palazzo reale posizionato sulla parte alta della piazza Sindagma, davanti al monumento del Milite Ignoto ed è sorvegliato dagli esponenti della guardia nazionale detti euzones. Gli euzones indossano tradizionali vestiti e ogni ora eseguono il cambio della guardia. Nella parte posteriore del Palazzo si trovano i giardini nazionali che furono creati su richiesta della Regina Amalia, pieno di piante e fiori e non mancano  rare piante subtropicali tra sentieri ombrosi e stagni il tutto immerso nel verde.

 

La collina del Licabetto (in greco Licavitos) situata nel cuore di Atene , da dove è possibile vedere tutto il panorama di Atene.  Particolarmente gradevoli diventano , nelle afose giornate estive, le serate trascorse in cima a questa collina seduti ai tavoli di un grazioso ristorante con vista sulla città o sui gradini ai piedi di una candida chiesetta bianca. La vetta è piacevolmente ventilata e di notte il panorama è davvero unico. Si può salire a piedi oppure tramite una funicolare.


La cultura

...Siamo tutti figli della Grecia. Nipoti di Platone, pronipoti di Socrate. Ciò che chiamiamo filosofia ("amore per il sapere") è nato qui, quando i miti non sono più bastati a spiegare il mondo e si è passati a ragionare sui principi e le cause prime. «Il greco», scriveva Werner Jaeger, «è il popolo filosofo fra tutti ». La genesi è nelle colonie greche sulle coste dell'Asia minore.

Talete di Mileto - all'epoca città di frontiera, di traffici, commerci, incroci con l'Oriente - fu il primo a esprimere le sue idee in termini logici anziché mitologici. Ma il centro è Atene, dove vissero i grandi pensatori: Socrate, Platone, Aristotele. Il primo maestro del secondo, il secondo del terzo. È dalla polis del passato e dalla metropoli del presente che può partire il tentativo di rivisitare i luoghi all'origine del pensiero occidentale. L'Agorà, la piazza dell'antica città, spazio aperto per scambiare merci e idee, è al centro del parco archeologico creato attorno all'Acropoli per resistere all'assedio di cemento dell'Atene contemporanea. Nei vialetti tra le rovine di templi, portici, case e botteghe, è facile immaginare Socrate applicare il suo metodo maieutico con i concittadini, nei pressi della Stoà di Zeus Eleutherios dove era solito farlo; o Zenone insegnare la sua filosofia che dalla Stoà Poikile, le cui fondamenta sono ancora visibili, prese il nome (stoicismo).
Alla base della collina di Filopappo, di fronte all'Acropoli, c'è la cosiddetta Prigione di Socrate, due grotte nella roccia che fanno venire alla mente il processo per empietà, la celebre autodifesa del filosofo e il suicidio con la cicuta per restare fino in fondo coerente con il principio di “far parlare la verità”. Più a nord, tra palazzi e strade, in un piccolo parco riparato dal traffico con giochi per bambini e panchine, è sparso ciò che resta dell'Accademia di Platone, che nel 387 a.C. acquistò il giardino dedicato all'eroe Academo e fondò una famosa scuola attiva per quasi nove secoli fino a quando fu chiusa da Giustiniano nel 529 d.C. La cosa più evidente che rimanda al teorico del mondo iperuranio è un albero che, si dice, sia molto simile a quello alla cui ombra amasse conversare con i discepoli. Ad Atene esiste una nuova Accademia, costruita in forma di tempio ionico nella seconda metà dell'800, considerata il più alto esempio neoclassicismo greco; due grandi statue di Platone e Socrate si ergono ai lati della scalinata d'ingresso. ...

Da Repubblica .it

Tratto da "Alla ricerca del sapere perduto"

di antonio politano


Atene, il museo dell’Acropoli

 26-04-2010

Di Marie Lecocq

Quasi un anno dopo la sua apertura, il nuovissimo Museo dell’Acropoli di Atene è tuttora orfano dei Marmi conservati al British Museum. Il luminoso edificio, progettato dal duo elvetico-greco Bernard Tschumi e Michalis Fotiadis, ha vinto tuttavia la sfida della mediatizzazione.

 

Nuove luci sull’Acropoli!

Partiamo alla scoperta del luogo, sotto il generoso sole ateniese. Prima sorpresa: la visita comincia all’esterno. Davanti all’ingresso del museo, una parte dell’area archeologica si offre alla vista del visitatore che può cominciare a raffigurarsi molto concretamente l’Acropoli durante la sua epoca d’oro. La grande hall del piano terra espone i reperti degli scavi effettuati sulle pendici della collina ateniese. Al primo piano, una luce perfetta veste le sculture e le vestigia dell’epoca arcaica. Qui troverai le leggendarie cariatidi, meno una, di cui ti lasciamo indovinare la sede attuale. Il clou dello spettacolo è situato all’ultimo piano la cui galleria è perfettamente parallela all’antico luogo di culto,  al capolavoro di Fidia: il fregio ricostituito, senza i preziosi pezzi custoditi attualmente al British Museum, offre comunque la straordinaria esperienza del Partenone in grandezza naturale. Di fronte, attraverso la parete di vetro, si può ammirare l’Acropoli e le sue vestigia che a loro volta si rispecchiano nei vetri della galleria. Il risultato non lascia per niente impassibili, malgrado i calchi di un bianco abbagliante che evocano le mutilazioni del tempio di Atena Nike.

 

Costa Gavras censurato

Mutilazioni che non sono da attribuire soltanto ai Britannici. Tutti vi hanno contribuito, inclusi i primi cristiani, scandalizzati dai nudi. Nel corto filmato realizzato dall’emblematico regista greco Costa Gavras per il nuovo museo,  si possono vedere mentre distruggono certe sculture. Questi due secondi di proiezione hanno del resto provocato un tale scalpore (presso alcuni visitatori scandalizzati, secondo la versione ufficiale della direzione) da far sopprimere la sua diffusione per qualche giorno.

 

Un luogo polemico, simbolico… e già mitico

Ma cosa pensano i Greci del loro nuovo museo? Ricco di simboli, è lungi però dal raccogliere l’unanimità. Per Avgi, studentessa, «è un edificio stupendo che mette in valore gli oggetti esposti ». Una dolce luce onnipresente, il secondo piano e la sua splendida vista panoramica hanno conquistato i più refrattari a quest’architettura ultramoderna. Eppure, ci confida Andreas, traduttore, «anche  se si tratta di una bella aggiunta architettonica al patrimonio della città, il museo è abbastanza mediocre ». Kiriakos, capo cantiere nella capitale, ritiene persino che un certo «caos regna al primo piano »! Infine, la testimonianza di Amalia, architetto, che «si aspettava di più », ci fa capire tutto: anni di paziente attesa, la speranza delusa di recuperare una parte del patrimonio perso hanno generato enormi aspettative presso la popolazione greca. Polemico, già mitico, il giovane museo dell’Acropoli non ha finito di far parlare di sé. Di certo, rappresenta un punto d’interesse imperdibile per chi visita la capitale greca.

 

Museo dell’Acropoli

Via Dionysiou Areopagitou


La terra? Il riflesso di un raggio di sole

di Umberto Galimberti

Perchè nella Grecia classica è nato il pensiero occidentale

articolo tratto da Repubblica .it

 

LA FILOSOFIA è nata in Grecia, non è una faccenda orientale. Il suo specifico si chiama astrazione, mentre il pensiero orientale è rimasto un pensiero concreto, che nomina le cose nella loro singolarità. La scienza pensa attraverso astrazioni. Quando Talete ( Eratostene ) misura la Terra basandosi sul riflesso di un raggio di sole nell'acqua di un pozzo, sbagliandosi solo di 60 km, lavora in termini astratti, matematici.

Questo è accaduto in Grecia e non è un caso che lì in 150 anni con la filosofia siano nate la matematica, la geometria, l'architettura, la medicina, la fisica. Sul frontespizio della sua accademia Platone scrive "non si entra qui se non si è geometri": geo-metria, misura della terra.”

Platone, Socrate, Aristotele. In che misura sono ancora importanti? "Lo sono perché ancora oggi, per esempio, pensiamo e parliamo secondo i codici logici instaurati da Platone. Il nostro linguaggio è organizzato secondo il principio di non contraddizione e secondo il principio di causalità, mentre il pensiero antecedente al pensiero filosofico, quindi il pensiero mitico, era un pensiero analogico del tipo “così-come”. Attraverso questi due principi si esce dalla sfera del sacro e del mitico, dall'imprevedibile che rende la vita angosciante. L'Occidente ha raggiunto il suo apice con l'Acropoli di Atene. Ai greci, che non avevano speranze ultraterrene, il concetto di morte consegnava il concetto di limite, di giusta misura: se sei mortale non oltrepassare il tuo limite, mantieniti nella tua condizione, sviluppa la virtù che ti è propria attraverso la conoscenza di te. Questa grande figura del limite dovrebbe essere recuperata oggi, visto che ci troviamo in una civiltà del progresso infinito e dello sviluppo infinito." La storia porta via la memoria dei luoghi?

"Porta via l'antico, che diventa come una necropoli. La Grecia classica è un vissuto dei turisti, non dei greci. A Samos, al di fuori di quelli che vendono le statuine, non sanno chi era Pitagora. ...

Ma oggi .. i greci non hanno ...alcuna relazione con la filosofia greca, si configurano piuttosto come bizantini.

 

Numeri utili

Quartier Generale Polizia Greca - Sezione Turismo - Direzione Generale di Polizia via P. Kanellopoulou, 4 - 10177 ATENE

210 6977386, 210 6924929

DIREZIONE POLIZIA ATENE - Stazione Polizia Turistica Atene via Veikou, 43-45 – 11854 ATENE

telefoni 210 9200730, 210 9200727, 210 9200761, 210 9200736 FAX 210 9232070    

 

L' Hotel Golden Age of Athens è situato in una delle aree più protette di Atene, nei pressi del Music Hall e dell'Ambasciata USA, circondato da una zona piena di caffè e ristoranti.

Il Partenone e la piazza principale di Atene (Piazza della Costituzione) sono raggiungibili a piedi a circa un'ora e mezzo di distanza. È inoltre possibile utilizzare l'autobus o la metropolitana (2 minuti a piedi dalla fermata Megaro Musikis).

In alternativa si può godere una bella passeggiata in uno dei viali più curati di Atene, Vasilissis Sophias, dove si trovano alcuni dei più importanti edifici, monumenti e musei di Atene.

Hotel Golden Age of Athens

57 Michalakopoulou
115 28 Atene
Tel: (+30) 2107240861-9
Fax: (+30) 2.107213965

E-mail: goldenage@hotelgoldenage.com
Prenotazioni: reservations@hotelgoldenage.com  Sito Web: www.hotelgoldenage.com

 

ΞΕΝΟΔΟΧΕΙΟ ΚΟΣΜΟΣ
BIKT. ΟΥΓΚΩ & ΨΑΡΩΝ 16
10438 ΑΘΗΝΑ
ΤΗΛ. 210 5239201 - 5
FAX: 210 5220125

HOTEL COSMOS
VICT. OUGO & PSARON 16
10438 ATHENS GREECE
TEL.(+30) 210 5239201 - 5
FAX: (+30) 210 5220125

 

L'hotel Cosmos ha 124 stanze, tutte munite di A/C e TV.  Prezzi contenuti. Per un nostro preventivo Clicca QUI

APPARTAMENTI ECONOMICI - HOTEL AD ATENE

la migliore selezione in Europa. Ampia scelta tra camere in piccoli hotel a conduzione familiare, catene alberghiere, hotel aeroportuali , motel autostradali, hotel di categoria elevata oppure economici. 

N.B.: a seconda della struttura prescelta, il metodo di pagamento e le condizioni potrebbero differire

 

AEROPORTO INTERNAZIONALE DI ATENE

Aeroporto di Atene

ELEFTHERIOS VENIZELOS

http://www.athensairport-2001.gr

 Il nuovo Aeroporto Internazionale di Atene è tecnologicamente lo stato dell'arte per quanto riguarda gli scali aerei. Si dice sia l'aeroporto modello del XXI secolo, interamente studiato a tavolino, nato dal nulla in una zona dove fino a qualche anno fa esistevano solo campi, oggi si appresta a diventare un grande scalo intercontinentale. Un nodo strategico tra est ed ovest, tra Europa e Asia, Africa e Balcani.

Atene - Aeroporto Ma a parlare sono soprattutto i numeri, infatti secondo l'ultima ricerca effettuata a livello mondiale dalla IATA (l'organizzazione mondiale per il trasporto aereo), l'aeroporto internazionale di Atene è risultato, nella sua categoria, primo a livello mondiale per qualità del servizio offerto e primo in Europa per la pulizia e l'ordine dei locali, la cortesia del personale e l'efficienza ed il confort delle sue strutture.

 Atene - particolare dell'aeroporto Si tratta di un modernissimo e grande aeroporto all'avanguardia tecnologica, studiato e realizzato per far fronte al sempre crescente numero di viaggiatori che fanno scalo nella capitale ellenica. 

Attualmente l'aeroporto è in grado di smaltire 16 Milioni di passeggeri l'anno, 600 voli giornalieri e 65 voli ogni ora. La struttura comunque è stata studiata per supportare fino a 50 Milioni di passeggeri l'anno.

E' situato ad Est di Atene a 27 Km dal centro ed è collegato con la capitale attraverso la nuova autostrada a 6 corsie denominata Attikì Odos.

Questo moderno aeroporto ha iniziato le sue operazioni il 28/03/2001 ed ha sostituito i due vecchi terminal dell'aeroporto "Ellinikò" Odos di Atene.

 

Articolo e foto tratte dal sito web versione italiana  http://www.athens-today.com/i-benvenuto.htm

 

COME ARRIVARE:
con l'Autobus:
X93: Kifissos stazione centrale – aeroporto
X95: Syntagma - aeroporto
X96: Pireo – aeroporto
X97: Dafni stazione metro - aeroporto

con la Metro: linea 3 Egaleo - Athens International Airport


AUTONOLEGGI:
Avis Tel: +30 210 3530578-9
Budget Tel: +30 210 3530553-5
Europcar Tel: +30 210 3530580-3533321
Hertz Tel: +30 210 3534900
Sixt Tel: +30 210 3530576-3530556

 

 

 

 

Scarica (formato PDF):  1-Informativa sulla Privacy   2-Carta dei Servizi

Inviare a  leon@ttisrl.it  un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito Web.
Up to date:27/04/2016

For questions or remark you send  leon@ttisrl.it  electronic mail on this Web site.