Collutori, non sono tutti uguali: questi macchiano i denti ma in pochi lo sanno

Alcuni collutori in commercio possono lasciare delle macchie sui denti. Ecco a quali bisognerebbe fare attenzione.

È fondamentale prendersi cura dei propri denti. In passato, la dieta conteneva molti meno zuccheri e, per questo motivo, il rischio di andare incontro a carie era drasticamente minore. Adesso, invece, questa situazione si è capovolta. Anche i bambini, a causa di un’alimentazione sbilanciata e di una cattiva igiene dentale, devono combattere contro problemi più o meno estesi.

Il collutorio che macchia
Alcune collutori possono macchiare i denti – ttiviaggi.it

In questo quadro così tragico, il collutorio costituisce un alleato prezioso. Si può scegliere tra tantissimi prodotti in commercio. Nonostante la sua utilità, però, bisogna fare attenzione a una sostanza contenuti in alcuni di essi. Posso macchiare i denti e causare degli aloni antiestetici.

Macchie scure sui denti per colpa di alcuni collutori: ecco quali evitare

Il collutorio non sostituisce lo spazzolino e il filo interdentale, ma può essere integrato per raggiungere un’ottima igiene dentale. Il suo scopo è quello di eliminare i batteri nocivi, così da prevenire la formazione di carie, placca e tartaro. Nonostante questo, bisogna saper scegliere con attenzione il prodotto da acquistare. Non tutti sono uguali e, in questi casi, il consiglio del dentista è fondamentale. Il fai da te rischia solo di compromettere la situazione, alterando l’aspetto estetico della dentatura. La tendenza a sottovalutare tali prodotti è fin troppo diffusa.

Ci sono dei collutori, infatti, che contengono una sostanza particolare. Si lega alle glicoproteine, causando la comparsa di macchie più o meno estese. Anche gli apparecchi ortodontici, le protesi e le ricostruzioni sono a rischio. Si sta parlando della clorexidina, ampiamente utilizzata dai dentisti. Serve per disinfettare la bocca in caso di gengiviti, problemi ai denti e infezioni. A volte, viene consigliato al paziente di fare degli sciacqui prima di estrazioni o di procedure legate a possibili lesioni della cute.

Quale collutorio evitare
Ecco quale collutorio bisognerebbe evitare – ttiviaggi.it

Il suo uso sporadico è consentito e, se consigliato dal medico, doveroso. Può evitare spiacevoli conseguenze e allontanare batteri pericolosi dalla propria bocca. Per un uso quotidiano, però, si consiglia di utilizzare delle alternative diverse. L’odontoiatra potrà guidare il paziente della scelta del giusto collutorio. In base alle sue esigenze, infatti, si potrà optare per la formulazione più adeguata.

Nel caso in cui non si volesse fare a meno della clorexidina, è possibile ricorrere anche dei collutori che la possiedono solo in basse percentuali. Così facendo, sarà difficile andare incontro a una brutta sorprese. A ogni modo, davanti a determinati dubbi, è fondamentale rivolgersi agli esperti del settore.

Impostazioni privacy