Cambia il roaming dati in UE per il 2024, attenzione a queste soglie quando sei all’estero o scatteranno costi extra

Novità per il roaming dati a partire dal 2024 per i viaggi all’estero, bisogna fare attenzione alle nuove impostazioni e alle soglie. 

La normativa Ue prevede un aggiornamento in relazione all’utilizzo del roaming dati quindi al traffico del proprio operatore quando si esce dal proprio Paese dove è stato sottoscritto l’abbonamento. Negli ultimi anni abbiamo assistito ad una progressiva espansione, tante novità in termini di utilizzo anche con netti miglioramenti.

Cambia il roaming dati in UE
Cambiamenti del roaming per i viaggi all’estero (ttiviaggi.it)

Bisogna però sempre fare riferimento alla normativa attuale, facendo attenzione al Paese perché spesso si tende a fare confusione tra ciò che riguarda l’Europa o i paesi che ne rientrano secondo le tariffe e quello che invece è considerato estero. Ad esempio un errore comune riguarda Inghilterra o Svizzera dove la maggior parte delle tariffe non include traffico dati.

Roaming Dati: cosa cambia a partire dal 2024

Il problema del roaming è che si rischia di spendere un capitale senza rendersi conto di quello che si va ad affrontare, quindi attivare l’opzione sullo smartphone e svuotare la soglia di credito disponibile. Meglio fare delle verifiche prima di procedere e sempre considerando il proprio operatore che comunque può dettare delle specifiche.

roaming dati
Novità per il roaming all’estero (ttiviaggi.it)

Per il 2023 la formula adottata in linea generale per il roaming in Europa era: volume di GB uguale all’importo della spesa mensile IVA esclusa diviso per 1.80 e moltiplicato per due. Ora, con le nuove condizioni, il massimale cambia e scende da 1.80 a 1.55 euro quindi bisogna fare lo stesso conteggio ma considerando la nuova variante.

La formula viene aggiornata solitamente con cadenza regolare, quindi è possibile sempre fare il ricalcolo in base alle condizioni del momento. Volendo poi stabilire quelli che sono i massimali generali, è possibile stimare come nel 2025 si arriverà a 1.30 euro, nel 2026 a 1.10 e nel 2027 a 1 euro quindi è una progressiva decrescita. Oltre a questa novità aumenta anche il traffico dati quindi costi inferiori e giga maggiori disponibili. La soglia è stata ritoccata ma bisogna fare attenzione quando si parla di Roaming in Ue ed extra Ue. In alcuni casi sono inclusi alcuni paesi, in altri non sono invece conteggiati. Dal 2021 non c’è più il Regno Unito, in alcuni casi le aziende però offrono lo stesso la sua presenza. Per avere delucidazioni in questo senso prima di partire bisogna necessariamente verificare sul sito del proprio operatore.

Quando si viaggia in Europa vengono applicate le stesse tariffe che sono presenti in Italia con l’unica limitazione che c’è un tetto di Giga differente. Ad esempio se si hanno 10 Giga in Italia, si può trovare che di questi all’estero se ne possono usare 3. Ci sono aziende che non impongono tetti, altre che invece sono più stringenti, finita quella soglia si paga.

Impostazioni privacy