Paura dell’aereo? C’è un modo (infallibile) per volare con tranquillità: così l’ansia sparirà del tutto

La paura di volare accomuna tante persone ma c’è un modo per sconfiggerla e viaggiare sempre sereni senza avere più problemi.

L’idea di essere nel cielo, a bordo di un oggetto che di fatto è sospeso e che riesce a raggiungere punti molto distanti tra loro in poche ore è sicuramente un concetto affascinante, ma non per tutti. C’è chi si gode l’esperienza, chi si diverte tantissimo e chi non fa che stare male tutto il tempo.

Paura dell'aereo
Come combattere la paura dell’aereo (ttiviaggi.it)

Questo è un peccato perché non solo ci si rovina la vacanza ma si rischia, progressivamente, di ignorare l’idea di fare un viaggio, di rimandare sempre per “impegni” o comunque di evitare la questione per la paura e l’ansia di sentirsi in trappola una volta a bordo.

Come eliminare la paura di volare

Oggi il treno è tornato sicuramente di gran moda anche per spostamenti più lunghi, merito dell’alta velocità che sta piano piano collegando tutta l’Europa e quindi che permetterà viaggi più agevoli anche a chi teme l’aereo, però al momento sicuramente la scelta per un viaggio veloce resta sempre quella di un volo perché di fatto si abbattono le tempistiche.

volare con tranquillità aereo
Come volare con tranquillità (ttiviaggi.it)

Uno dei problemi maggiori di chi viaggia in aereo sono chiaramente le turbolenze, gli scossoni prevedibili o meno che arrivano e che spingono l’aereo in una direzione o l’altra forzandone il movimento. Ce ne sono di innocue e quindi molto lievi e anche di molto pesanti che fanno veramente presagire il peggio. In ogni caso, sono sempre un fattore previsto che non causa alcun tipo di problema all’aeromobile, quindi si può viaggiare sereni.

La turbolenza è data da un vortice d’aria che, per cause diverse, va ad alterare la stabilità del mezzo che si trova sospeso. Più è grande e meno si sentiranno, tuttavia ci sono sempre, minime o più violente dipende da una serie di fattori come maltempo, stagionalità, tipo di tratta. I vortici essendo irregolari spostano l’aereo di poco, anche se la percezione dall’interno è forte per il fatto che si è sospesi, il treno oscilla molto di più quando viaggia ma essendo al suolo nessuno si crea il problema o è teso, perché sembra semplicemente più normale.

Il fenomeno delle turbolenze si può verificare anche quando il cielo è limpido poiché si tratta solo di aria. Le cause più frequenti sono le montagne, le correnti d’aria o i temporali. Quando ci sono montagne l’aria trova un ostacolo, quindi non prosegue in maniera uniforme ma viene proiettata verso l’altro, per questo poi si scontra con ciò che trova, propagandosi verso l’alto. In questo caso ci sono piccoli tumulti ad esempio quando si vola sulle Alpi. Per la questioni correnti invece questa è una cosa normale, ci sono flussi d’aria, talvolta vanno in direzioni differenti quindi si scontrano e anche l’aereo ne può risentire.

Diverso è ancora il fattore maltempo. In questo caso infatti le nubi temporalesche spostano ingenti masse d’aria ed è così che si genera un fenomeno che può essere anche improvviso. Per questo solitamente quando c’è una prevedibilità si invitano i passeggeri ad allacciare le cinture. Grazie alla tecnologia le previsioni saranno sempre migliori e comunque basta ricordare che si tratta solo di aria, bisogna ripeterselo di continuo e alla fine, piano piano, la paura verrà superata. In generale si può limitare il problema volando la mattina presto, perché l’aria è più pulita, senza sedersi dietro dove ovviamente sono percepite con maggiore insistenza.

Impostazioni privacy