L’incredibile storia dello scheletro gigante nascosto in Italia: non immagini cosa si nasconde dietro

L’Italia è ricchissima di storia e belle opere, ma uno scheletro così non l’ha mai visto: leggi questo articolo per scoprire la sua storia

scheletro
scheletro – ttiviaggi.it

Immaginatevi di passeggiare per l’Italia, tra borghi pittoreschi e colline sinuose, e di imbattervi in una chiesa sconsacrata. All’interno, invece di affreschi e altari, vi trovate davanti a un’opera d’arte davvero singolare: uno scheletro gigante lungo ben 24 metri!

Un gigante misterioso

So le domande che passano adesso nella vostra testa: chi era questo gigante? E come è finito nella chiesa? La risposta si trova nella mente geniale di Gino De Dominicis, un’artista italiano noto per le sue opere enigmatiche e provocatorie. Nel 1988, De Dominicis realizzò in segreto questa scultura monumentale chiamata “Calamita Cosmica“.

Per anni, lo scheletro gigante ha viaggiato per l’Italia, esposto in mostre prestigiose a Milano, Napoli, Firenze e Roma, senza però avere un suo luogo. Era infatti come un fantasma senza casa, alla ricerca di un posto adatto alla sua grandezza e al suo mistero.

Lo scheletro, realizzato in vetroresina, ferro e polistirolo, è perfetto dal punto di vista anatomico, a eccezione del teschio. Questo infatti, presenta un singolare naso a becco di uccello. C’è un dettaglio però che aggiunge mistero all’opera: secondo Gino de Dominicis, l’opera invita a riflettere sul significato della vita e della morte. Dal dito medio della mano destra dello scheletro, svetta un’asta d’oro. È come un’antenna che capta l’energia dell’universo, un simbolo potente che collega la terra al cielo, l’uomo all’infinito.

l'interno di una chiesa
l’interno di una chiesa – ttiviaggi.it

Dove si può trovare

Finalmente, nel 2021, la “Calamita Cosmica” ha trovato la sua dimora definitiva dopo molti anni di viaggi senza sosta: la chiesa della Santissima Trinità in Annunziata a Foligno. Un luogo suggestivo, con un passato affascinante e un’atmosfera di quiete che ben si addice a questa opera enigmatica. Non poteva infatti esserci luogo migliore.

La “Calamita Cosmica” non è solo un’opera d’arte di grande impatto visivo, ma anche un invito a riflettere sulla nostra esistenza, sul rapporto tra uomo e natura, sul mistero della vita e della morte. Un’opera che non lascia indifferenti e che, come un gigante silenzioso, ci interroga sul nostro posto nel cosmo.

Se vi trovate in Umbria, non dovete perdete l’occasione di visitare la chiesa della Santissima Trinità in Annunziata a Foligno e di ammirare con i vostri occhi la “Calamita Cosmica”. Un’esperienza che vi lascerà senza fiato e che vi farà riflettere a lungo. Grazie quindi all’artista, per aver creato un’opera così ricca di significato.

Impostazioni privacy