Boeing, scoperti gravi problemi di sicurezza agli aerei: anche una morte sospetta

Scoperti gravi problemi di sicurezza agli aerei Boeing: anche una morte sospetta getta ombre sulla situazione. Scopriamo di più.

Boeing problemi
Boeing problemi

I problemi di sicurezza per la compagnia Boeing continuano a suscitare preoccupazione, con le autorità statunitensi che hanno scoperto numerosi difetti nel processo di produzione del 737 Max durante le ispezioni successive all’incidente del volo Alaska Airlines. Secondo quanto riferito, Boeing avrebbe fallito ben 33 delle 89 verifiche effettuate, sollevando nuove preoccupazioni sulla qualità e l’affidabilità dei suoi aerei.

Boeing: scoperti gravi problemi

La Federal Aviation Administration ha esaminato attentamente 89 fasi della produzione presso lo stabilimento Boeing di Renton, Washington, e ha riscontrato che l’azienda ha fallito in 33 di esse, secondo quanto riferito da un dipendente che ha richiesto l’anonimato e che ha familiarità con il dossier. Queste criticità, non ancora rese pubbliche, hanno sollevato interrogativi sulla supervisione e sulle procedure interne di controllo di qualità adottate da Boeing.

Inoltre, fonti non confermate suggeriscono che il Dipartimento di Giustizia abbia avviato un’indagine penale sull’esplosione del portellone dell’aereo della Alaska Airlines, contattando alcuni passeggeri e membri dell’equipaggio del volo del 5 gennaio per raccogliere informazioni. Questo evento potrebbe portare a ulteriori indagini sulle pratiche di sicurezza e sui protocolli di produzione della compagnia.

Boeing 737 Max
Boeing 737 Max

Morte di John Barnett

Nella giornata di ieri ha fatto molto rumore la notizia del suicidio dell’ex dipendente della Boeing John Barnett, noto per aver sollevato preoccupazioni e dubbi riguardo agli standard di produzione dell’azienda. Barnett ha lavorato per la Boeing per 32 anni, fino al suo pensionamento nel 2017. La sua morte improvvisa ha sollevato interrogativi su eventuali pressioni o minacce subite da parte dell’azienda a seguito delle sue denunce riguardanti la sicurezza dei velivoli Boeing.

Prima della sua morte, Barnett aveva testimoniato in una causa contro la società. Sabato 10 marzo, Barnett avrebbe dovuto presentarsi per un ulteriore interrogatorio. Ma quando non si è presentato, sono state avviate delle indagini presso il suo hotel. Successivamente è stato trovato morto all’interno del suo furgone nel parcheggio dell’hotel, come riportato nel rapporto. Questo evento solleva domande sulla trasparenza e sulla gestione delle preoccupazioni dei dipendenti da parte di Boeing, oltre a gettare ulteriori dubbi sulle pratiche di sicurezza e di conformità dell’azienda.

Questi recenti sviluppi mettono in luce la crescente pressione su Boeing per affrontare i problemi di sicurezza e garantire che i suoi aerei soddisfino gli standard più elevati. La compagnia ha dichiarato di prendere sul serio queste questioni e di lavorare per migliorare i suoi processi di produzione e di controllo qualità al fine di ristabilire la fiducia dei clienti e del pubblico in generale. Ma la strada verso il recupero della reputazione e la riparazione dei danni potrebbe rivelarsi lunga e difficile per il gigante dell’aviazione.

Impostazioni privacy