Se i giorni della settimana sono sette è solo grazie a loro: la scoperta risale ad un’epoca lontanissima

Vi siete mai chiesti perché i giorni della settimana sono sette? La decisione è avvenuta in epoca lontanissima: la scoperta lascia perplessi.

Giorni della settimana sono sette
Giorni della settimana sono sette

 

L’organizzazione del tempo in unità di misura come la settimana è un aspetto fondamentale della nostra quotidianità, ma la sua origine risale a periodi antichissimi e a scoperte che hanno plasmato la nostra comprensione del tempo e del cosmo. La settimana, composta da sette giorni, ha una storia intrigante che affonda le sue radici nelle antiche civiltà e nei loro sistemi di osservazione astrale.

Perché i giorni della settimana sono sette?

La suddivisione del tempo in periodi di sette giorni ha radici antiche che risalgono alle prime civiltà umane. Tuttavia, fu l’antica civiltà babilonese che, con la sua osservazione accurata dei corpi celesti e la loro associazione simbolica, contribuì in modo significativo alla definizione dei giorni della settimana come li conosciamo oggi.

Il ruolo dei pianeti nell’organizzazione del tempo

Una delle scoperte cruciali fu la relazione tra i giorni della settimana e i pianeti del sistema solare. I Babilonesi associarono ciascuno dei sette giorni della settimana a un pianeta, che consideravano divinità o figure celesti influenti. Questi pianeti includevano Marte, Mercurio, Giove, Venere, Saturno e il Sole, insieme alla Luna.

Recentemente, una scoperta archeologica ha portato nuova luce su questa antica pratica babilonese. Mathieu Ossendrijver, astrofisico e storico presso l’Università Humboldt di Berlino, ha condotto una ricerca che ha svelato la sofisticata conoscenza geometrica dei Babilonesi nel determinare le posizioni dei pianeti nel cielo.

Ossendrijver ha analizzato tavolette d’argilla risalenti a un periodo compreso tra il 350 e il 50 a.C., conservate nel British Museum. Queste tavolette contenevano enigmatici disegni di figure trapezoidali, che gli storici hanno scoperto essere strumenti utilizzati per calcolare le posizioni dei pianeti nel cielo.

L’importanza della geometria nell’astronomia babilonese

Questa scoperta rivela una conoscenza astratta della geometria tra gli antichi Babilonesi, che si pensava fosse sviluppata solo molto tempo dopo in Europa. Gli astronomi babilonesi erano in grado di utilizzare queste figure trapezoidali per descrivere con precisione il moto apparente dei pianeti nel cielo notturno.

Giorni della settimana
Giorni della settimana

 

La suddivisione del tempo in periodi di sette giorni è una pratica antica che risale alle prime civiltà umane. Tuttavia, fu l’antica civiltà babilonese che, con la sua osservazione accurata del cielo e la sua conoscenza geometrica avanzata, contribuì in modo significativo alla definizione dei giorni della settimana e alla loro associazione con i pianeti del sistema solare. La scoperta delle figure trapezoidali e il loro utilizzo nell’astronomia babilonese sottolineano l’importanza della geometria e dell’osservazione astrale nelle antiche civiltà e nel nostro attuale sistema di misurazione del tempo.

Impostazioni privacy