Il piccolo borgo italiano incantevole, ha origini preistoriche: ricco di sorprese per i turisti

Il pittoresco piccolo borgo italiano, avvolto dalla magia delle sue origini preistoriche, si presenta come un tesoro nascosto, colmo di meraviglie inaspettate pronte ad incantare i visitatori.

Borgo italiano
Borgo italiano – Ttiviaggi.it

Situato tra le maestose montagne del Trentino Alto Adige, Tuenno si erge come un autentico scrigno di storia e natura, racchiuso tra le valli della Val di Non. Con le sue antiche origini preistoriche e il suo paesaggio incontaminato, questo pittoresco borgo incanta i visitatori con il suo fascino rustico e le sue radici profonde.

Il piccolo borgo italiano

Tuenno, conosciuto per la sua storia millenaria, è testimone di epoche passate che risalgono alla preistoria. Le prime tracce di insediamenti umani risalgono all’epoca retica, quando il borgo era un crocevia di scambi e cultura. Nel corso dei secoli, Tuenno ha vissuto periodi di grande prosperità, diventando un importante possedimento vescovile nel 1027 e un feudo appartenuto a nobili locali. Oggi, nonostante la sua storia travagliata, Tuenno conserva intatto il suo fascino antico, con le sue strette viuzze e le sue case in pietra che narrano storie secolari.

Immagine di una natura incontaminata, Tuenno è circondato da montagne imponenti, boschi lussureggianti e piccoli laghi turchesi. All’entrata della Val di Tovel, ai piedi del Gruppo delle Dolomiti di Brenta e dei Monti Anauni, questo borgo incantato offre uno scenario mozzafiato per chi cerca tranquillità e avventura. I sentieri che si snodano tra i boschi sono un invito a esplorare la bellezza selvaggia di questa terra, mentre il lago di Tovel, immerso nel Parco Naturale Adamello-Brenta, regala momenti di pace e serenità.

Tuenno
Tuenno

Cosa vedere a Tuenno

Nonostante le sue dimensioni ridotte, Tuenno nasconde alcune perle da scoprire lungo le sue strade strette e tortuose. La Chiesa di Sant’Orsola e Compagne, con il suo prezioso altare ligneo e gli affreschi del primo ‘900, rappresenta una tappa imperdibile per gli amanti dell’arte e della storia. La Chiesa di Santa Emerenziana, dominante all’ingresso della Val di Tovel, e la Chiesa di San Nicolò, ristrutturata di recente, offrono anch’esse opere d’arte e momenti di contemplazione.

Oltre alla sua ricca storia e alla sua bellezza naturale, Tuenno è rinomato anche per le sue tradizioni enogastronomiche. I vigneti che si estendono sulle colline circostanti producono vini di qualità, mentre le mele, simbolo della Val di Non, sono protagoniste di eventi e festività locali. La Piazzarolada, la Festa della Mela e il GoldenFest sono solo alcune delle celebrazioni che animano le strade di Tuenno, offrendo ai visitatori l’opportunità di immergersi nelle tradizioni e nei sapori autentici di questa terra.

Per gli amanti dell’avventura e dello sport all’aria aperta, Tuenno è il punto di partenza ideale per esplorare le Dolomiti di Brenta e il Parco Adamello-Brenta. I numerosi sentieri escursionistici e i percorsi ciclabili offrono l’opportunità di scoprire panorami mozzafiato e paesaggi incontaminati, mentre le attività come l’arrampicata, il rafting e il windsurf promettono emozioni forti e momenti indimenticabili.

Impostazioni privacy