Strane macchie scure sono apparse su Marte, sembrano dei ragni: cosa sono in realtà?

Strane macchie scure sono apparse sulla superficie di Marte, attirando rapidamente l’attenzione degli scienziati e degli appassionati di spazio di tutto il mondo; queste formazioni, che a prima vista sembrano giganteschi ragni alieni, hanno suscitato molte domande: cosa sono in realtà?

Strane macchie scure su Marte
Strane macchie scure su Marte

La sonda europea Mars Express ha recentemente catturato delle immagini sorprendenti del pianeta rosso, generando grande interesse e curiosità. Le foto mostrano delle misteriose macchie scure sulla superficie marziana, che hanno fatto rapidamente il giro del mondo. La nostra mente umana, sempre pronta a trovare spiegazioni fantasiose, ha subito immaginato queste macchie come prova di una colonia di ragni alieni su Marte. Ma la verità è molto diversa e ben meno misteriosa di quanto potremmo sperare.

Strane macchie scure sono apparse su Marte

Le immagini catturate dalla sonda Mars Express, gestita dall’Agenzia Spaziale Europea, hanno fatto galoppare l’immaginazione di milioni di persone. È facile immaginare uno scenario in cui migliaia di ragni giganti percorrono la superficie marziana, specialmente in un’area del pianeta chiamata “la città inca” dagli scienziati. Questa zona, con il suo reticolo geometrico di canali, ha subito evocato immagini di una colonia di aracnidi alieni, alimentando storie degne dei migliori film di fantascienza.

Ma la realtà è molto diversa. L’ESA ha spiegato che quelle che sembrano colonie di ragni sono in realtà geyser di anidride carbonica, intrappolati sotto la superficie ghiacciata di Marte. Questo fenomeno si verifica quando l’inverno marziano cede il passo alla primavera. I raggi del sole riscaldano il ghiaccio superficiale, liberando l’anidride carbonica intrappolata. La pressione aumenta fino a quando i geyser esplodono, scagliando materiale scuro fatto di CO2 sulla superficie del pianeta. Questo processo crea le caratteristiche macchie scure che sembrano ragni giganti.

Macchie strane Marte
Macchie strane Marte

Il mistero della città inca

Queste formazioni particolari sono state osservate in una regione conosciuta come Labyrinthus Noctis, vicina al polo sud di Marte, ma soprannominata “la città inca”. Il nome deriva dal suo aspetto, che visto dall’alto ricorda un antico sito archeologico, con canali che formano un reticolo geometrico complesso. L’area ha un diametro di circa 86 chilometri ed è stata mappata per la prima volta grazie alle immagini ad alta risoluzione inviate dalla sonda Mars Express, lanciata nel 2003.

Il fenomeno dei geyser di anidride carbonica è affascinante e dimostra quanto Marte sia simile alla Terra sotto certi aspetti. Come il nostro pianeta, anche Marte ha stagioni dovute alla sua inclinazione assiale. Quando la primavera arriva, i raggi del sole riscaldano il ghiaccio che copre la superficie, liberando il gas intrappolato. Questo processo, simile a quanto avviene con i geyser terrestri, porta alla formazione delle macchie scure che hanno suscitato tanto interesse.

Le “fontane” di anidride carbonica possono raggiungere altezze notevoli, con getti che salgono per chilometri prima di ricadere sulla superficie, formando disegni che sembrano ragni giganti. Le dimensioni di queste formazioni variano da 45 metri a un chilometro di diametro, creando un panorama alieno e affascinante.

Impostazioni privacy