Vino naturale o industriale? Attenzione a questi fattori per riconoscerlo, non cadere nel tranello

Vino naturale o industriale? Attenzione a questi importanti fattori per riconoscerlo, non cadere nel tranello.

Vino naturale
Vino naturale – Ttiviaggi.it

Il mondo del vino evoca tradizione, ma anche innovazione. In questa sinfonia di sapori, una nuova tendenza emerge con forza: il vino naturale. Questa rivoluzione enologica celebra l’autenticità, privilegiando processi minimali e l’uso limitato di additivi. Un ritorno alle radici che incanta gli appassionati di tutto il mondo. Scopriamo il modo migliore per riconoscerlo.

Come riconoscere il vino giusto?

Riconoscere un vino naturale da uno industriale può essere un compito impegnativo, ma esistono alcuni segnali distintivi che possono aiutare a fare la differenza tra i due. Mentre il vino industriale è prodotto in larga scala con l’ausilio di tecnologie moderne e aggiunte chimiche, il vino naturale è frutto di un processo artigianale e rispettoso dell’ambiente, con una minima interferenza da parte dell’uomo.

Quali sono le differenze tra il vino naturale e quello industriale?

I vigneti che producono vino naturale sono spesso coltivati secondo i principi dell’agricoltura biologica o biodinamica. Ciò significa che vengono evitati l’uso di pesticidi, erbicidi e fertilizzanti sintetici, favorendo invece metodi naturali di controllo delle malattie e dell’infestazione da insetti.

Al contrario, i vigneti per il vino industriale possono essere soggetti a pratiche agricole intensive che possono danneggiare l’ambiente e la salute del suolo. Esaminiamo meglio le varie problematiche.

La fermentazione spontanea

Nel processo di produzione del vino naturale, la fermentazione avviene spontaneamente grazie alla presenza di lieviti selvatici presenti sulla buccia dell’uva. Questo significa che non vengono aggiunti lieviti selezionati artificialmente, che sono invece comunemente utilizzati nella produzione industriale per controllare il processo di fermentazione e garantire una maggiore uniformità e prevedibilità del prodotto finale.

L’assenza di additivi chimici

Il vino naturale è prodotto senza l’aggiunta di additivi chimici come conservanti, stabilizzanti o coloranti artificiali. Al contrario, il vino industriale può contenere una serie di additivi chimici che vengono utilizzati per migliorare il gusto, la stabilità e l’aspetto del vino, ma che possono anche avere effetti negativi sulla salute e sul sapore del prodotto.

La minima manipolazione

Il vino naturale è spesso prodotto con una minima manipolazione da parte dell’uomo, lasciando che il vino si sviluppi in modo naturale e autentico. Questo può significare, ad esempio, l’uso di filtri più grossolani o l’assenza di chiarificanti per mantenere il vino il più naturale possibile. D’altra parte, il vino industriale può essere sottoposto a una serie di processi di filtraggio, chiarifica e stabilizzazione che possono alterare il carattere e il gusto del vino.

Etichettatura trasparente

I produttori di vino naturale tendono ad essere più trasparenti riguardo ai metodi di produzione e agli ingredienti utilizzati nel loro vino. Molte bottiglie di vino naturale riportano etichette che indicano l’uso di pratiche agricole biologiche o biodinamiche, così come la mancanza di additivi chimici. Al contrario, i produttori di vino industriale potrebbero non essere così trasparenti riguardo ai loro metodi di produzione e agli ingredienti utilizzati.

Vino
Vino – Ttiviaggi.it

Quando si tratta di scegliere vini più sicuri, molti consumatori optano per il vino naturale per i suoi benefici ambientali e percepiti per la salute, così come per il suo gusto autentico e caratteristico. E’ importante notare che il vino naturale può variare notevolmente in termini di gusto e qualità, quindi è sempre consigliabile fare ricerche e provare diverse opzioni per trovare il vino che meglio si adatta ai propri gusti e preferenze.

Impostazioni privacy