È la spiaggia più pericolosa del mondo, ma il suo fascino è incredibile. Ti svelo dove si trova

Una spiaggia di sabbia nera: questo luogo non solo ammalia i visitatori con il suo panorama, ma richiede anche molta attenzione. Ecco perché.

Reinisfjara
Reinisfjara – ttiviaggi.it

Di ritorno da uno dei miei ultimi viaggi, non posso che raccontarti di questa incredibile spiaggia che ho visitato: Reynisfjara, in Islanda.

Perché questa spiaggia è pericolosa?

La magia oscura di Reynisfjara è un connubio affascinante di fenomeni naturali e leggende che affondano le radici nella cultura islandese. Questa spiaggia non è solo un tratto di costa: è un capolavoro scolpito dall’incessante lavoro di elementi naturali potenti e, a volte, spietati.

Il colore nero della sabbia, unico e ipnotizzante, è il risultato diretto delle eruzioni del vulcano Katla, noto per la sua attività frequente e la sua forza devastante. La cenere vulcanica, depositatasi qui nel corso dei secoli, tinge di oscuro il paesaggio, creando un contrasto stridente ma affascinante con la schiuma bianca delle onde.

Le onde imprevedibili di Reynisfjara, note localmente come “sneaker waves”, rappresentano un pericolo costante e imprevedibile. Queste onde possono sorgere all’improvviso e hanno la forza di trascinare gli incauti visitatori verso il vasto e freddo Atlantico. È essenziale, quindi, mantenere una distanza sicura dal bordo dell’acqua, un avvertimento che ogni visitatore deve prendere seriamente per la propria sicurezza.

pulcinella di mare
pulcinella di mare – ttiviaggi.it

Tra mito e leggenda

A dominare il paesaggio di Reynisfjara ci sono i faraglioni di Reynisdrangar, maestose torri di roccia che si ergono dall’acqua come sentinelle di un’epoca dimenticata. La leggenda narra che queste impressionanti formazioni rocciose fossero un tempo troll, creature della mitologia nordica, che furono pietrificate dalla luce solare mentre tentavano di trascinare a terra una nave. Oggi, questi faraglioni non solo arricchiscono la già suggestiva vista della spiaggia, ma servono anche da potente promemoria della capacità della natura di scolpire scenari di selvaggia bellezza e di incutere rispetto attraverso i suoi molteplici aspetti.

Uno dei tratti più distintivi di Reynisfjara è la sua imponente scogliera di colonne di basalto. Queste colonne esagonali,che ricordano le canne di un organo gigante, si innalzano imponenti dietro la spiaggia, creando un effetto visivo straordinario. Sono il risultato di un raffreddamento lento della lava, che, una volta solidificata, ha assunto queste forme regolari e geometriche. Subito dietro la scogliera si trova una grotta di scorrimento lavico, conosciuta come kirkjan, o “chiesa”, che attira molti visitatori desiderosi di scoprire le meraviglie geologiche della regione.

In estate, le colonne di basalto e le aree circostanti ospitano colonie di pulcinella di mare, un tipo di uccello marino dal becco colorato che nidifica sulle alte scogliere. Questi simpatici uccelli sono una vista comune in Islanda e aggiungono un ulteriore tocco di magia al paesaggio di Reynisfjara, rendendola un must per gli amanti della natura e della fotografia.

Impostazioni privacy