Treni di Natale, attenti alla truffa: con questo SMS tanti pendolari hanno perso biglietti e soldi

Attenzione alla truffa dei treni di Natale: un SMS ha fatto perdere biglietto e soldi a diversi viaggiatori pendolari. Ecco come funziona.

L’ultima truffa online riguarda proprio i treni presi in questo periodo di festività, anche se il trucco usato dai malviventi è “buono” per tutte le stagioni. Migliaia di pendolari rischiano di diventare le prossime vittime dei criminali.

Truffa SMS treni di Natale come funziona
Truffa dei treni di Natale, attenzione agli SMS – ttiviaggi.it

Il Commissariato PS online ha già lanciato l’allarme: «In vista delle prossime vacanze – si può leggere sul sito – sono molti gli studenti e i lavoratori fuori sede che decidono di prenotare con anticipo biglietti di viaggio per trascorrere il Natale in famiglia. È stata individuata una nuova campagna di phishing che prende di mira gli utenti che intendono acquistare biglietti ferroviari online».

Ma come funziona esattamente questa ultima truffa che viaggia attraverso gli SMS? Cerchiamo di capirlo meglio per evitare di cadere nella trappola tesa dai truffatori.

Truffa del treno di Natale, ecco come funziona

I cybercriminali sfruttano domini creati ad hoc solo per ingannare i pendolari. I bersagli degli hacker ricevono un SMS contenente un link che rimanda a un sito che all’apparenza sembra quello ufficiale di Trenitalia.

Truffa dei treni di Natale come avviene
Occhio allo smishing, la truffa che viaggia attraverso i messaggini del telefono – ttiviaggi.it

L’inganno è precisamente questo: la piattaforma non è affatto quella ufficiale di Trenitalia, ma un falso sito che ne riproduce fedelmente grafica e contenuti. Anche le opzioni di acquisto appaiono verosimili, così come gli orari e le tariffe aggiornate. C’è un solo elemento che permette di smascherare la truffa: l’uso della lingua inglese nella maschera che l’utente si vede proporre al momento di inserire i dati.

Una volta  dato l’assenso al pagamento inserendo nel form dati bancari o della carta di credito la truffa si perfeziona con lo svuotamento della carta o del conto.  Il consiglio è dunque quello di verificare sempre con attenzione l’indirizzo del sito prima di procedere con gli acquisti online. E soprattutto mai cliccare su link allegati a SMS, e-mail o annunci pubblicati sui social network che rimandano (o affermano di farlo ) al sito di Trenitalia.

Truffe online, i consigli per difendersi

Gli esperti del Commissariato online consigliano di adottare alcune accortezze per l’uso della carta di credito nei pagamenti online. Innanzitutto bisogna sapere che i siti dediti all’e-commerce usano protocolli di sicurezza per identificare l’utente (il più diffuso dei quali è il Secure Socket Layer – SSL) e sono in grado di impedire l’accesso, casuale e non, ad altri utenti. Per sincerarsene basta controllare se durante la transazione in basso a destra della finestra appare un’icona con un lucchetto: sta a segnalare che in quel momento la connessione è sicura.

Altra cosa da evitare è fornire troppe informazioni sui dati bancari in un sito: le transazioni per andare a buon fine hanno bisogno solo del del numero della carta di credito e della relativa scadenza. Utile anche servirsi delle diverse soluzioni di home banking messe a disposizione dalle banche. In questo modo potremo controllare quasi in tempo reale il nostro estratto conto, eventualmente bloccando velocemente la carta in caso di movimentazioni sospette. Buona cosa anche verificare con attenzione gli estratti conto segnalando subito alla società emittente qualunque transazione sconosciuta.

Impostazioni privacy