Torna il freddo dal Polo Nord: ecco quali sono le previsioni per il prossimo mese

Con con queste ultime giornate di sole e temperature miti, pensavamo di poter salutare l’inverno e invece no: il freddo sta per tornare

neve e gnomo
neve e gnomo – ttiviaggi.it

Oggi si toccherà il massimo delle temperature: ci attendono infatti 20 gradi al centro-sud dell’Italia. I giorni della merla hanno perso ormai la loro fama e il ricordo dell’inverno freddo e gelido, sembra molto lontano.

Quando cambiano le temperature?

Le temperature sotto i 10 gradi ormai le vediamo solamente in tarda notte o all’alba. Durante la giornata si toccano dai 16 ai 20 gradi, con un bel sole caldo pronto a farci sentire già nel mood primaverile. È solo un’illusione però, perché le temperature torneranno a calare in pochi giorni.

Questa situazione anomala che colpisce tutto il Mediterraneo, fino ad arrivare in Spagna, ha breve vita. Infatti i meteorologici sostengono che il freddo sta per tornare e non solo per febbraio, ma anche per marzo. La data più o meno certa dovrebbe essere il 3 febbraio, quindi mi raccomando, se pensavate ti tirare fuori già i vestiti leggeri, aspettate un attimo.

Questa ondata di freddo non è prevista solo in Italia, ma anche in America oltre che in Europa. Ovviamente rientra tutto nella norma, visto che siamo ancora nei mesi invernali.

casa in inverno
casa in inverno – ttiviaggi.it

Il freddo arriva dal Polo Nord

Questo anno in particolare è stato estremamente freddo al Polo Nord: si sono infatti registrate temperature anche di -45 gradi, con una media di -35 gradi e vi garantisco, sono davvero difficilmente sostenibili. Il mio minimo è stato di -32 gradi mentre lavoravo nella Lapponia finlandese con gli Husky e ho sofferto molto a stare tutto il giorno fuori casa.

Questa ondata di aria artica entrerà in Italia dal Friuli Venezia Giulia e colpirà in primo luogo il Veneto, il Trentino-Alto Adige e proprio il Friuli Venezia Giulia. Infine si sposterà lungo la costa adriatica per andare poi ad espandersi ovunque. Comunque il fatto allarmante, non è il freddo che torna, ma il caldo anomalo di queste ultime settimane. Che sia un altra conseguenza del cambiamento climatico?

Viste le buone previsioni, con cieli sereni e senza piogge, è normale che faccia più freddo. Quando i cieli sono limpidi e non ricoperti da nubi, l’aria è sempre più fredda. Questo perché le nuvole fanno da barriera e racchiudono l’aria calda sotto la sua “copertura”.

Come ogni anno si può notare, questi primi mesi sono sempre altalenanti. A volte a febbraio siamo già a maniche corte a prendere il sole nel giardino, altre volte ci ritroviamo a maggio con gelate e grandine che danneggiano tutti gli alberi da frutto o gli ortaggi che stanno per nascere. Ma purtroppo, quello che possiamo fare, è solamente adattarci e fare il meglio che possiamo per salvaguardare il nostro ambiente.

Impostazioni privacy