Il borgo fortificato tra gli ulivi dalla storia millenaria, per una passeggiata indimenticabile

Il borgo fortificato, circondato dalla maestosa presenza degli ulivi e arricchito da una storia millenaria, si offre come scenario perfetto per un’indimenticabile passeggiata.

Borgo fortificato
Borgo fortificato – Ttiviaggi.it

L’Umbria, regione italiana ricca di storia e bellezze paesaggistiche, vanta numerosi borghi medievali che costituiscono autentici tesori da esplorare. Uno di questi gioielli è Stroncone, incastonato in un dolce paesaggio collinare a 450 metri di altitudine, nel cuore della provincia di Terni. Appartenente al prestigioso circuito dei Borghi Più Belli d’Italia, Stroncone è un borgo che si erge come un piccolo scrigno di storia, arroccato su uno sperone roccioso dei Monti Sabini.

Il borgo fortificato

La sua atmosfera millenaria trasporta i visitatori in un viaggio “fuori dal tempo”, invitandoli a passeggiare senza fretta tra vicoli pittoreschi, salite e discese, strette stradine, case in pietra, botteghe artigiane e piazzette raccolte. Ogni angolo di Stroncone è un’opportunità per scoprire scorci suggestivi e respirare l’antica atmosfera che pervade il borgo.

La visita al borgo medievale inizia con Piazza della Libertà, che offre una vista mozzafiato sulla Conca Ternana. Qui, la presenza imponente della cinquecentesca Fontana delle Tre Tazze e della Porta Principale (o Maggiore), sovrastata dallo stemma comunale, accoglie i visitatori e segna l’ingresso al cuore di Stroncone.

Stroncone
Stroncone

Il percorso prosegue attraverso le affascinanti strade di Stroncone, passando per Piazza San Giovanni (un tempo Piazza Maggiore) con il suo caratteristico pozzo medievale e la Chiesa di San Giovanni Decollato, un autentico scrigno di arte e architettura che custodisce pregevoli affreschi dedicati alla vita del Santo, stucchi realizzati da artisti locali e altari barocchi.

Stroncone: cos’altro non perdere

Continuando l’esplorazione, si incontrano la suggestiva Chiesa di San Nicolò, con una facciata impreziosita da un portone decorato con bassorilievi bizantini, e il maestoso Palazzo Comunale. Quest’ultimo è il risultato dell’unione del Palazzo dei Priori del XIII secolo e del Palazzo Apostolico del Cinquecento, e ospita diverse opere d’arte, tra cui i Codici di Stroncone, nove codici miniati su pergamena del XIV secolo, e la Sala del Consiglio.

Raggiungendo il punto più alto di Stroncone, Piazza della Torre, si ha l’opportunità di ammirare l’Oratorio della Madonna del Gonfalone, con un interno finemente decorato con stucchi dorati e dipinti. Il percorso continua lungo Via Vici, passando per il Palazzo omonimo e la cappella di Santa Maria della Neve (o della Porta di Sotto) con un altare del primo periodo barocco.

Il ritorno in Piazza della Libertà consente di apprezzare il monumento ai caduti della Grande Guerra e di allontanarsi dal centro storico per esplorare il Convento di San Francesco. La chiesa del convento conserva affreschi del Quattrocento, mentre la ricca biblioteca ospita numerosi documenti francescani che raccontano la storia e la spiritualità dell’ordine.

Impostazioni privacy