Questo carnevale è stato dichiarato Patrimonio dell’UNESCO: si trova in Europa

Poco prima il buio, poi tante luci e colori danno vita alla città: il carnevale più stravagante d’Europa si trova in Svizzera

Frau fasnacht
Frau fasnacht – ttiviaggi.it

È tutto nero e non c’è nessuna luce che illumina la città: si tratta di un blackout premeditato. Ogni anno in Svizzera, si da il benvenuto al carnevale in questo modo particolare.

Basilea, la città del carnevale

Questa cittadina svizzera, è conosciuta e amata da molti per offrire un carnevale unico nel suo genere. La città, di struttura medioevale, è attraversata dal fiume Reno ed è una vera chicca per chi decide di visitarla per qualche giorno.

Il carnevale, riesce a trasmettere a chi non conosce il luogo, tutta la storia, le tradizioni e le usanze del popolo svizzero. Chiamato anche Frau Fasnacht, signora carnevale, intrattiene grandi e piccini per tre giorni e grazie alle sue particolarità, è stato dichiarato Patrimonio Unesco da ben 7 anni.

Viene considerato tra le feste più famose d’Europa e infatti durante le sfilate nella piazza e nelle vie della città, lo spettacolo che viene regalato è davvero unico. Non solo storia e arte, ma anche divertimento e ironia, tipica del carnevale, in cui tutti gli scherzi sono permessi… come quello di tirare le uova in testa alle persone.

Basilea
Basilea – ttiviaggi.it

Quando andare

Il blackout iniziale non deve far spaventare nessuno: è solo l’inizio di questo fantastico evento, che non può che iniziare con il botto. Successivamente i cittadini si spostano nelle piazze e nei vicoli di Basilea e mentre la musica incalza e le luci cominciano ad accendersi, lo spettacolo prende vita.

Il lunedì successivo al mercoledì delle Ceneri, quindi per questo 2024 si parla del 19 Febbraio, i quartieri della città si arricchiscono di lanterne colorate e maschere di tutti i tipi. I pifferai suonano assieme ai suonatori di tamburo, che contribuiscono a rallegrare l’atmosfera mentre la parata attraversa i punti salienti di Basilea.

È senza dubbi, la festività preferita dagli svizzeri: sono infatti in 10 mila a indossare gli abiti folkloristici. Ad ogni ora del giorno c’è qualcosa a cui assistere, dal primo al terzo e ultimo giorno della festa. Per chi volesse viaggiare con i bambini, il martedì è il giorno migliore: ci saranno attività ricreative che permetteranno loro di dare sfogo alla loro fantasia.

Non c’è età: tutti sono pronti a divertirsi e giocare con i coriandoli e le maschere. E così come inizia, alle 4 del mattino del lunedì, così finisce: alle 4 del mattino fra la notte del mercoledì e giovedì. La città viene attraversata con un’ultima sfilata e il Frau Fasnacht viene salutato fino all’anno successivo.

Impostazioni privacy