Questo tempio spesso sottovaluto in Egitto è assolutamente da vedere: dove si trova

All’interno della vasta area di Giza, accanto alle celebri tre piramidi e alla rinomata Sfinge, si trova un tempio sottovaluto in Egitto, un luogo imperdibile.

Tempio imperdibile in Egitto
Tempio imperdibile in Egitto – ttiviaggi.it

La vasta area di Giza, in Egitto, è rinomata come la meta turistica più frequentata del Paese. Qui si ergono le tre celebri piramidi: Cheope, Chefren e Micerino, insieme alla famosa Sfinge, un imponente leone con testa umana. La loro antichità attrae turisti da ogni angolo del mondo desiderosi di esplorare questi monumenti unici.

Tuttavia, c’è un altro edificio spesso trascurato, ma che indubbiamente merita una visita: il Tempio della Valle di Chefren, situato a breve distanza dalla piramide omonima.

Tempio imperdibile in Egitto

Il Tempio della Valle di Chefren, commissionato dal faraone omonimo, figlio di Cheope e padre di Micerino, risale alla IV dinastia egizia, circa 2500 anni prima di Cristo. Non solo desiderò superare l’imponenza del padre con la costruzione della sua piramide, oggi riconoscibile per la punta chiara, ma volle anche la realizzazione della Sfinge a sua immagine e somiglianza, posta a guardia della sua tomba, insieme a un tempio funerario nella vicina valle.

Tempio della Valle di Chefren
Tempio della Valle di Chefren – ttiviaggi.it

Questo tempio rimase sepolto sotto le sabbie del deserto per secoli, fino a quando una spedizione archeologica congiunta di studiosi egiziani, francesi e tedeschi lo riportò alla luce nei primi anni del Novecento.

Il suo utilizzo

Con due ingressi sul lato orientale, uno a nord e l’altro a sud, il Tempio della Valle di Chefren serviva principalmente per la cerimonia di imbalsamazione. Durante le complesse ritualità di sepoltura del faraone, svolte due volte per simboleggiare il suo dominio su Basso e Alto Egitto, veniva praticata la cerimonia di apertura della bocca, un atto simbolico eseguito nel laboratorio sacro del tempio.

Egitto
Egitto – ttiviaggi.it

Questo tempio, collegato in origine al tempio funerario di Chefren da una lunga rampa, era costruito interamente con blocchi di granito rosso di Assuan. La sua struttura interna presentava una sala a forma di “T” rovesciata, con imponenti colonne di granito rosso e pareti di calcare rivestite di granito nero e alabastro, oggi parzialmente perdute. Al suo interno, originariamente, si trovavano 23 statue sedute del sovrano, realizzate in diorite verde del deserto nubiano, alabastro e grovacca.

Il Tempio della Valle di Chefren è l’unico tempio a valle che si è conservato in buono stato, sfidando il tempo e le violazioni che hanno colpito molti altri siti archeologici. La sua storia è stata riscritta grazie alle scoperte di esploratori come Giovanni Battista Belzoni nel 1818 e all’egittologo britannico John Shae Perring nel 1837, che hanno contribuito a preservare questo affascinante pezzo di patrimonio storico fino ai giorni nostri.

Impostazioni privacy